Jet Propulsion Theatre
Fly Me To The Moon

The ShowMedia Pack



The Show
linea

Dreams, sometimes, do come true.
I sogni, a volte, si avverano.


Text/Testo Andrea Brunello
With/Con Laura Anzani and Ettore Distasio
Directed by/Regia Fabrizio Visconti
Light design/Disegno luci Fabrizio Visconti
Scenes/Scenografie Marco Muzzolon
Costume/Costumi Mirella Salvischiani
Scientific consulting/Consulenza scientifica e storica Stefano Oss and Vladimir Bozhilov - Dept. of Astronomy, Faculty of Physics, Sofia University, Bulgaria
Philosophical consulting/Consulenza filosofica Enrico Piergiacomi

An Arditodesìo Theatre Company Production | Jet Propulsion Theatre Project
In collaboration with/In collaborazione con il the Physical Science Communication Laboratory of the Physics Department of the University of Trento (Italy).


Adam is an Apollo Mission Astronaut. A very good one. He has a dream: to reach the Moon. He is ready to sacrifice everything, wife, children, family, health, even his own life in order to get there.
Valentina is a woman, a mother of two children and the wife of Adam. She is strong, intelligent, determined and in many ways she has an “astronaut” soul, just as much as Adam. Fly Me To The Moon is the story of their relationship told in the shadow of the mighty Saturn V missile and the Apollo Project. It’s the story of an unbalanced love between her and him and the Moon, an all absorbing dream that, for its very utopian nature, continuously risks to become the the cause of their destruction.
But Fly Me To The Moon is also about human ingenuity and the science that had to be developed in order to bring humans far away from the Earth. It’s about the Moon, our celestial companion, and its amazing characteristics. The play is a tribute to the fascination that we humans have felt for our nightly companion since the beginning of time and to our desire to learn, to be curious, to never stop exploring.


Writer’s notes:

On May 21st 1961 President Kennedy gave a speech in front of the US Congress: “…I believe that this nation should commit itself to achieving the goal, before this decade is out, of landing a man on the moon and returning him safely to the Earth.”

On September 12 1961 he elaborated his reasons in front of a crowd at Rice Stadium in Houston, Texas: “…But why, some say, the Moon? Why choose this as our goal? And they may well ask, why climb the highest mountain? Why, 35 years ago, fly the Atlantic? […] We choose to go to the Moon in this decade and do the other things not because they are easy, but because they are hard.”

On July 20th 1969 20:17 UTC (GMT), before the decade was out, the Lunar Module Eagle landed on the moon at Tranquillity Base.

“Houston. Tranquillity Base here. The Eagle has landed.
“Roger, Tranquillity. We copy you on the ground. You got a bunch of guys about to turn blue. We’re breathing again. Thanks a lot”.

Six hours later astronauts Neil Armstrong and Edwin “Buzz” Aldrin stepped on the moon. “A small step for [a] man, a giant leap for mankind”. Kennedy’s wish had been fulfilled.

Ever since animals had some form of consciousness, for millions of years, they have been staring at the moon charmed by its unreachable beauty. Now the moon had been conquered, demonstrating how powerful and resourceful the genius of humans can be (so much that even now there are people who think that the moon landing was a hoax, but then again we must appreciate the fact that human intelligence is really a gift).

On July 20th 2019 it will be exactly 50 years since that historical moment and I have decided to celebrate it by writing a play that could look into both the amazing achievements reached by NASA’s Apollo Missions and at the same time explore the motivations that animated the soul of those daredevils that stepped inside flimsy spacecrafts to chase a dream too big to be refused. These men risked it all to become what could have become modern day Icarus and only through sheer courage and good luck, achieving a milestone that forever, as long as human memory will survive, will be remembered. A thousand years from now humans will remember le lunar landing of July 20th 1969 as a most amazing achievement: the day two men stepped on another celestial body different from the Earth.

Yet, if truth must be told, the achievement of Aldrin and Armstrong is the result of a truly titanic effort. One that dwarfs even the Manhattan Project, the other amazing engineering achievement of the 20th century: more than 400.000 people had worked on NASA’s space program!

In this play I have “invented” one astronaut that never really existed: Adam. I have placed him the fold of the other Apollo astronauts as if he were one of them, because it did not seem right to single out one that actually existed. I wanted to make Adam a symbol of those that really existed: condensing their motivations, fears, personalities and fate. I did not want to neglect their wives either. Because they were just as heroic as their husbands. And their children too… even today they have strong mixed feelings about their fathers.

Fly Me To The Moon is the story of a dream. One of those dreams that dominates every fibre of the body and soul. One of those dreams that is life or death. And what happens when that dream is achieved… by others but not by you? How does it make you feel? If truth be told, I believe I can relate to that. I believe that in some way we all can relate to that because if we can’t, then we cannot call ourselves human.

This is what motivated me to write Fly Me To The Moon. Along the way I met Adam’s wife, Valentina. And I have discovered a deep sense of appreciation and gratitude towards her, because she also had a dream and she was able to sacrifice it to make room for his. For every great achiever there is a list of unsung heroes that made that achievement possible. I feel as much admiration for people like her as I do for the courageous astronauts that took humankind to another level. Fly Me To The Moon is a story that I needed to write.(Andrea Brunello)

References:
The Right Stuff - Tom Wolfe
The Last Man On The Moon - Eugene Cernan
Carrying The Fire - Michael Collins
No Dream Is Too High - Buzz Aldrin
Deke! - Donald K. Slayton
Failure is not an option - Gene Kranz
How Apollo Flew to the Moon - W. David Woods
A man on the Moon - Andrew Chaikin
An Astronaut’s Guide To Life On Earth - Chris Hadfield
Introduction to Space Dynamics - William Tyrrell Thomson


File PDF (EN)


Adam è un astronauta della Missione Apollo. Un ottimo astronauta. Adam ha un sogno: raggiungere la Luna. Per farlo è pronto a sacrificare tutto, la moglie, i figli, la famiglia, la salute, persino la sua stessa vita.
Valentina è una donna, la madre di due figli e la moglie di Adam. Lei è forte, intelligente, testarda e, in molti modi modi, anche lei ha lo spirito di “astronauta”, tanto quanto Adam.
Fly Me To The Moon è la storia della loro relazione all'ombra del potente missile Saturno V e del Progetto Apollo. È la storia di un amore sbilanciato fra lei, lui e la Luna, un sogno che li divora e che, per la sua stessa natura utopica, rischia continuamente di diventare la causa della loro distruzione.
Ma Fly Me To The Moon racconta anche dell'ingegno umano e la scienza che è stata sviluppata per permettere di portare gli esseri umani lontani dalla Terra. È uno spettacolo che parla della Luna, nostra compagna celeste, e le sue caratteristiche così speciali. Lo spettacolo è un tributo alla fascinazione che noi umani proviamo da sempre per la nostra amica notturna e il nostro desiderio di imparare, essere curiosi e non smettere mai di esplorare.


Note drammaturgiche:

Il 21 maggio 1961 il Presidente Kennedy pronunciò il suo storico discorso davanti al Congresso degli Stati Uniti: “…Credo che questa nazione debba impegnarsi a raggiungere l'obiettivo, prima che questo decennio sia terminato, di portare un uomo sulla Luna e ritornarlo sano e salvo sulla Terra.” Il 12 settembre dello stesso anno Kennedy elaborò le sue ragioni di fronte ad una folla applaudente al Rice Stadium di Houston, in Texas: “… Ma perché, qualcuno potrebbe chiedere, andare sulla Luna? Perché scegliere questo obiettivo? E potremmo chiedere noi, perché allora scalare la montagna più alta? Perché, 35 anni fa, traversare l'Atlantico? [...] Abbiamo scelto di andare sulla Luna in questo decennio, e fare le altre cose, non perché siano facili, ma perché sono difficili.”

Il 20 luglio 1969 20:17 UTC (GMT), prima che il decennio terminasse, il modulo Eagle si appoggiò sulla Luna presso Tranquility Base.

“Houston. Qui è Tranquillity Base. Eagle è allunata”.
“Roger, Tranquillity. Vi sentiamo. Qui c’è un gruppo di persone che stavano per diventare blu. Ricominciamo a respirare. Mille grazie.”

Sei ore dopo gli astronauti Neil Armstrong e Edwin “Buzz” Aldrin toccarono la Luna. “Un piccolo passo per [un] uomo, un balzo gigantesco per l'umanità”. Il sogno di Kennedy si era avverato.

Da quando gli animali hanno avuto una qualche forma di coscienza, per milioni di anni, hanno volto lo sguardo verso la Luna affascinati dalla sua bellezza irraggiungibile. Adesso questo astro è stato conquistato, a dimostrazione di quanto sorprendente e pieno di risorse sia il genio umano (così tanto che ci sono alcuni che ancora oggi credono che l'allunaggio sia una finzione complottistica, ma si sa che l'intelligenza umana è, in fin dei conti, un regalo ineffabile).

Il 20 Luglio 2019 saranno esattamente 50 anni dal quel momento storico e ho deciso di celebrarlo scrivendo un testo che potesse dirigere l’attenzione verso le missioni Apollo della NASA e, allo stesso tempo, indagare le motivazioni che animarono quei temerari che con estremo coraggio si infilarono dentro delle fragili navicelle spaziali per inseguire un sogno troppo grande per essere ignorato. Questi uomini hanno sfidato la sorte, rischiando di diventare moderni Icaro e se hanno avuto successo è stato solo per la loro competenza, coraggio e una buona dose di fortuna. Il loro successo rimarrà per sempre pietra miliare, finché la memoria umana saprà ricordarlo. Mille anni da adesso gli umani ricorderanno l'allunaggio del 20 Luglio 1969 come un incredibile evento della storia umana: il giorno che due uomini camminarono su un altro corpo celeste, diverso dalla Terra.

Eppure, se vogliamo dire la verità, i successi di Aldrin e Armstrong sono il prodotto di un impegno veramente titanico. Il progetto Apollo annichilisce per dimensioni persino il Progetto Manhattan, l'altro incredibile risultato scientifico ed ingegneristico del ventesimo secolo: più di 400.000 persone lavorarono al progetto spaziale della NASA.

In questo testo ho "inventato" un astronauta che in realtà non è mai esistito: Adam. Lo ho piazzato nel gruppo degli altri astronauti come se fosse uno di loro, perché non mi sembrava giusto identificarne uno in particolare. Ho voluto così condensare le loro motivazioni, paure, personalità e destini. Non ho voluto tralasciare le loro mogli, perché anche loro sono state per la maggior parte dei casi eroiche tanto quanto i loro mariti. Così come i loro figli... che ancora oggi hanno sentimenti contrastanti nei confronti dei loro padri.

Fly Me To The Moon è la storia di un sogno. Uno di quei sogni che domina ogni fibra del corpo e dell’anima. Uno di quei sogni che sono o vita o morte. Cosa succede quando il sogno è realizzato... da altri ma non da te? Come ti fa sentire? A dire la verità, credo di poter capire molto bene questa sensazione. Penso che tutti possiamo capirla anche perché altrimenti non sarebbe giusto chiamarci umani.

Ecco quindi le motivazioni che mi hanno spinto a scrivere Fly Me To The Moon. Lungo il viaggio ho incontrato la moglie di Adam, Valentina. E ho sviluppato un profondo senso di apprezzamento e gratitudine nei suoi confronti, perché anche lei aveva un sogno ed è stata capace di sacrificarlo per fare spazio a quello di lui. Perché ogni grande risultato nasconde una lista di eroi sconosciuti che lo hanno reso possibile. Provo tanta ammirazione per persone come lei, così come ne sento per i coraggiosi astronauti che hanno portato il genere umano ad un altro livello. Fly Me To The Moon è la storia che avevo bisogno di scrivere.
(Andrea Brunello)


File PDF (IT)





Media Pack
linea



photo


photo

photo


photo
photo













Copyright © 2019 - Compagnia Arditodesìo - P.I. 01984370229 / Privacy e Cookie Policy / web project by crushsite.it